Credito d’imposta per investimenti pubblicitari su testate giornalistiche

Riceviamo e pubblichiamo dal blog di Raoul Cetorelli e Gabiria Cetorelli questo approfondimento sul credito d’imposta per investimenti pubblicitari su testate giornalistiche. È un beneficio fiscale che vanta il contribuente nei confronti delle casse dello stato. Un credito d’imposta può essere destinato a compensare dei debiti, a diminuire delle imposte oppure, se possibile può esserne richiesto il rimborso nella dichiarazione dei redditi, ci ricorda Raoul Cetorelli.

Dal 2018 è stato istituito un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari effettuati sulle testate giornalistiche, anche online. Per poter beneficiare di questa agevolazione ci sono delle norme da rispettare: l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati superi almeno dell’un per cento l’importo degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi d’informazione nell’anno precedente (se invece ad esempio nel 2018 la spesa per pubblicità è stata pari a zero, nel 2019 non è possibile godere dell’incentivo). Sono escluse dal credito d’imposta le spese sostenute per l’acquisto di spazi destinati a servizi particolari, tra cui: televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, di messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovraprezzo. Inoltre occorre ricordare che l’agevolazione viene concessa in base al regime “de minimis”, ciò significa che per beneficiare del bonus pubblicità occorre verificare di non aver superato il plafond di 200 mila euro di aiuti ottenuti nell’esercizio in corso e nei 2 esercizi precedenti.

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, questo è chiamato anche bonus pubblicità. 

Come usufruire del credito d’imposta?

I fruitori del bonus pubblicità possono essere imprese, lavoratori autonomi, enti non commerciali. Per fruire del credito d’imposta, i soggetti interessati devono presentare:

  • la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, prevista dall’articolo 5, comma 1, del D.P.C.M. n. 90 del 2018, contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato. (sul modulo va barrata la casella relativa alla tipologia di domanda. Per ogni spesa si indica l’investimento 2019 (effettuato o previsto), la somma spesa nel 2018, la percentuale dell’incremento, il credito d’imposta richiesto.)
  • la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per dichiarare, ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, che gli investimenti indicati nella comunicazione per l’accesso al credito d’imposta, presentata in precedenza, sono stati effettivamente realizzati nell’anno agevolato e che gli stessi soddisfano i requisiti di cui all’articolo 3 del D.P.C.M. n. 90 del 2018.

Per il 2019 le richieste vanno inviate dal 1° al 31 ottobre attraverso il servizio Entratel – Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. Questo vale anche per le aziende attive nel rinnovabile come la Green Energy di Leo Marino Benedettini. La dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati nell’anno 2019 deve essere presentata dal 1° al 31 gennaio dell’anno 2020.